Occupazione, alla Sicilia il prima dei
Web

Occupazione, alla Sicilia il prima dei "Neet"

“Nel 2016, in media il 24,3% dei giovani tra i 15 e i 29 anni non ha lavorato né studiato”. Lo rileva l’Istat nel report sulle ‘misure del benessere equo e sostenibile dei territori’.

I cosiddetti Neet (‘not in education, employment or training’), spiega l’Istat, “sono il 17% al Nord, il 20,4% al Centro e il 34,2% nel Mezzogiorno, con evidenti differenze tra le province di tutte le aree geografiche”, raggiungendo valori tra i più elevati “nelle città metropolitane di Palermo (41,5%) Catania (40,1%), Messina (38,5%), Napoli (37,7%) e Reggio Calabria (36,8%)”.

Il Sud appare sempre meno istruito rispetto alle altre aree del Paese. “La quota di popolazione con almeno il diploma marca una distanza tra l’area complessivamente in maggiore vantaggio, il Centro, e il Mezzogiorno, più sfavorito”, afferma l’Istat nel report sulle ‘misure del benessere equo e sostenibile dei territori, dando conto di un divario che è cresciuto nel tempo e che ormai sfiora i 15 punti percentuali.

Lo stesso vale per la percentuale di laureati tra i 25 e i 39 anni, che è più alta al Centro e al Nord rispetto al Mezzogiorno (con una differenza di 8,4 punti).

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca