Palermo, deludente 1-1 col Padova

Palermo, deludente 1-1 col Padova

Nemmeno il vantaggio iniziale ha spianato la strada a una facile vittoria. Anzi, il Palermo ha subito il pareggio dopo nemmeno due minuti e poteva andare sotto se Capello non avesse maltrattato il rigore del possibile 1-2. La verità è che il Palermo ha mostrato scarsa concentrazione e una notevole involuzione atletica: doveva essere sorpasso sul Lecce ed invece è stato un lunedì nerissimo visto che il Lecce ha vinto a Perugia.

Errori imperdonabili quando si corre per la Serie A e per il futuro di questi colori quelli commessi dal Palermo nella serata di Pasquetta al ‘Barbera’. I rosa non riescono ad andare oltre l’uno a uno in casa contro il Padova penultimo, prima passando in vantaggio e poi staccando la spina e subendo il pari dopo un minuto.

Gara sottotono dal punto di vista delle idee e del gioco, ma le colpe sembrano di molti tranne che di Stellone, orfano di uno Jajalo che stasera è mancato terribilmente in fase di ‘pulizia’ della manovra rosanero. Non è bastata l’ennesima gara di solidità da parte di un Moreo onnipresente, troppo spesso convinto di avere dei compagni accanto con le sue stesse idee.

Serata no, invece, per il duo di centrali (male, malissimo nel primo tempo, meglio nella ripresa) e di un Trajkovski che sbaglia praticamente tutto, anche il tiro che vale l’uno a zero deviato in maniera decisiva da Ceccaroni. E se non fosse stato per Brignoli, ancora decisivo stavolta su rigore parato a Capello, per i rosa le cose si sarebbero fatte anche più drammatiche.

Il Lecce vincente a Perugia scappa via al secondo posto, adesso a +3 sui rosa che numeri alla mano sono ancora padroni del loro destino nella corsa alla Serie A, sempre ammesso che vincano ognuna delle restanti quattro partite che mancano alla fine del campionato. La fortuna continua ad aiutare i rosa, ma anche quella se non rispettata ha una data di scadenza.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio